Collaborazioni | Temi | Sezioni | Casi Pratici | News | Link | Home
 
Il primo Portale Italiano di interesse interdisciplinare medico-giuridico sulla Dermatologia
La Rivista DL online
CeSIDeL
Centro Studi Italiano di Dermatologia Legale
CeSIDeL Modulo di Iscrizione
www.agendadeldermatologo.it

Rubrica
Il Caso pratico del Mese


Consulenza dermatologica-legale per lesioni cutanee di sospetta origine dolosa

ANAMNESI

La figlia del Sig.xxxx asserisce che il proprio padre e' da tempo bersaglio di sevizie e maltrattamenti per opera della moglie sposata in seconde nozze e con cui vive. Nello specifico riferisce di vedere numerose ferite su tutto il corpo, in particolare al centro del petto dove appare evidente una specie di stampo raffigurante un "cuore rosso fuoco".
A causa di ciò, la stessa, si era rivolta ad un legale per porre fine a quelle "torture" che, con alti e bassi, duravano da anni.
La matrigna invece afferma che non solo non e' responsabile delle ferite del marito, ma al contrario ha sempre fatto di tutto per curarle.

Il Sig. xxxxx con un po' di difficoltà, in quanto invalido, fa capire di avere quelle macchie strane sul petto da decenni e quegli arrossamenti diffusi sul corpo ogni volta che indossa indumenti di lana o di materiale sintetico.

ESAME OBIETTIVO

Condizioni generali di salute del Sig. xxxxx:
precarie dal punto di vista psico-fisico per esiti invalidanti di xxxxx.

Esame dermatologico generale:
cute e annessi secondo sesso ed età in soggetto con alopecia androgenetica e costituzione seborroica.

Esame dermatologico locale:
a livello della zona centro-toracica anteriore si apprezza una lesione cutanea grossolanamente rotondeggiante di circa centimetri due per tre, a doppia componente clinico-morfologica.
La porzione destra e' rappresentata da una chiazza ipercromica di aspetto seborroico, a superficie rilevata di pochi millimetri, ipercheratosica e centrata da una neoformazione pigmentata papulo-nodulare. La porzione di sinistra si presenta chiaramente eritemato-desquamativa a contorni policiclici e morfologia petaliforme. L'eritema e' rosso brillante e la desquamazione, appena accennata, e' steatoide. I bordi sono poco rilevati sul piano cutaneo sano circostante e sono abbastanza netti rispetto ad esso. Manca il cociore ed il bruciore in sede di lesione la quale e' poco pruriginosa e senza segni di grattamento e/o di escoriazione.
Nel resto della superficie corporea si notano, altresì, diversi focolai di lieve irritazione cutanea, specie agli arti superiori e inferiori, molto comuni in soggetti con cute senile.

DIAGNOSI

  • dermatite seborroica in sede classica centro-toracica anteriore in paziente con verruca seborroica
  • dermatite irritativa aspecifica agli arti


CONSIDERAZIONI MEDICO-LEGALI

Il caso è stato affrontato in ambito penale per denuncia di lesioni alla persona di sospetta natura dolosa, poi rivelatesi insussistenti.
  1. La dermatite seborroica e' una dermatite eritemato-desquamativa molto frequente nella popolazione generale. Nosologicamente trattasi di un dermatite eczematosa endogena-costituzionale ad andamento cronico-recidivante, che riconosce nella flogosi delle ghiandole sebacee il suo target istologico, nei fattori genetici la sua patogenesi e nei fattori esogeni infettivi episodici di tipo soprattutto micotico, fattori ambientali-climatici e stressanti psico-fisici la sua tendenza alla riacutizzazione. Gli stimoli traumatici possono aggravare l'estrinsecazione clinica ma non costituiscono fattori causali. Si manifesta con chiazze eritamato-desquamative in zone ricche di ghiandole sebacee come la zona medio-toracica anteriore e posteriore, il cuoio capelluto, la zona frontale tra le sopracciglia, le zone centro-facciali.


  2. La verruca o cheratosi seborroica e' un'alterazione cutanea benigna molto frequente che colpisce per lo piu' soggetti di costituzione seborroica in età matura e senile. Non riconosce alcuna causalità traumatogena e anch'essa insorge su terreno di base seborroico.
    Data la benignità delle lesioni descritte e l'immediatezza della formulazione diagnostica, la biopsia di esse non e', di norma, consigliata nella pratica clinica quotidiana. Al contrario e' utile indicarla qualora ci siano dei dubbi di diagnosi differenziale e nei casi di aggravamento avanzato della patologia in oggetto.


  3. La dermatite irritativa degli arti negli anziani origina per lo più dalla secchezza cutanea e può peggiorare con il contatto di indumenti di fibra sintetica e di lana.



CONCLUSIONI

Il Sig. xxxxx è affetto attualmente da lesioni dermatologiche di natura patologica che nulla hanno a che fare con la genesi lesiva intenzionale.


Segue referto fotografico






Dott. Valerio Cirfera


 Le ultime News          
IL DANNO BIOLOGICO PERSISTENTE
Le nostre Rubriche
Raccolta di Giurisprudenza
Aggiornamenti e riflessioni
L'Esperto risponde
Il Caso pratico del Mese
- Norme
- Linee Guida
- Tabelle
Sidec


www.scienzemedicolegali.it
www.scienzemedicolegali.it
Sabato, 22 luglio 2017
Copyright© 2005-2017 - All rights reserved.     •     privacy policy     •     cookie policy