Collaborazioni | Temi | Sezioni | Casi Pratici | News | Link | Home
 
Archivio NEWS

Archivio News

12/05/2008 N° viste: 2663

Sanita': 15 mila denunce l'anno per i medici, 1.500 per chirurghi

E' impressionante il numero di denunce per errori medici in Italia.
"Sono quadruplicate in dieci anni, tanto che secondo i dati Ania (Associazione nazionale imprese assicuratrici) sono passate da 3.154 nel 1994 a 11.932 nel 2004. Oggi il dato si aggira intorno a quota 15 mila, e si tratta di una sottostima". Parola di Antonio Mussa, direttore del Dipartimento di oncologia dell'azienda ospedaliera Le Molinette di Torino, intervenuto alla presentazione a Roma dell'VIII Convegno di primavera della Società italiana di chirurgia (Sic), in programma nel capoluogo piemontese il 9 e 10 maggio.

"Non esiste la possibilità di quantificare con precisione questo fenomeno - prosegue Mussa - l'unico dato accessibile è la percentuale di cause per malpractice valutata da una commissione tecnica istituita dal ministero della Salute nel 2005". Secondo la 'fotografia' dei tecnici, "la chirurgia è al quarto posto nella classifica delle specialità più bersagliate dalle cause (10%), dopo il record di ortopedia (16,5%), oncologia (13%) e ostetricia (11%)". Insomma, le denunce a carico dei 'maghi del bisturi' possono essere stimate "intorno a 1.500 ogni anno". "In pratica - dice Roberto Tersigni, presidente della Sic - ben quattro chirurghi su cinque ricevono, nel corso della propria vita professionale, almeno una richiesta di risarcimento o un avviso di garanzia per un presunto errore. E in generale i medici italiani trascorrono almeno un terzo della loro vita lavorativa a barcamenarsi tra carte bollate, processi e tribunali. Non è che oggi si sbaglia di più - precisa il chirurgo - è che sono aumentate le denunce". Lo testimoniano anche i dati dell'Amami, l'Associazione medici accusati di malpractice ingiustamente, citati oggi dai chirurghi.

"L'80% delle denunce e dei procedimenti a carico dei colleghi - dice, infatti Mussa - finisce di fatto archiviato, perché il fatto non sussiste. Ma questo dopo vicende che durano in media 3-5 anni". Passare attraverso le forche caudine di un procedimento giudiziario non lascia il 'camice verde' senza danni. "C'è chi, per non esporsi più al rischio di denunce, rinuncia a interventi rischiosi o impegnativi", sottolinea il presidente della Sic. "Ho visto allievi - gli fa eco Mussa - messi sotto processo e poi assolti, che ancora faticano a entrare in sala operatoria, e un altro che alla fine ha chiesto un risarcimento per danno biologico". Insomma, le conseguenze dello 'stress da denuncia' rischiano di essere pesanti, specie per i giovani bisturi. "In ogni equipe ci sono medici che non operano, se non a livello semplice, ed eseguono interventi quasi privi di rischi - dice Enrico De Antoni, presidente eletto della Sic - E' giusto accertare le modalità di un decesso o verificare la correttezza di procedute. Ma oggi arrivano denunce per fatti avvenuti anche 10 anni fa. Occorrerebbe finalmente varare una legislazione moderna e adeguata in materia, che riconosca l'atto medico a fine terapeutico, preveda la differenza nel penale tra colpa grave e lieve del medico, come pure la necessità di dimostrare il nesso di causalità tra l'operato del 'camice bianco' e l'evento avverso. Infine, il procedimento penale deve essere a querela di parte e non d'ufficio. E si deve prevedere l'assicurazione obbligatoria per il chirurgo. E' importante - conclude - istituire come all'estero un albo dei periti, all'interno del quale il tribunale possa scegliere un consulente doc, in grado di valutare davvero l'operato del medico".

Fonte: Adnkronos Salute




 

Copyright © 2005-2015 DermatologiaLegale.it - All rights reserved     •     privacy policy     •     cookie policy