Collaborazioni | Temi | Sezioni | Casi Pratici | News | Link | Home
 
Archivio NEWS

Archivio News

19/12/2008 N° viste: 2933

Chirurgo condannato a risarcire all’ASL oltre 70.000 euro per aver eseguito interventi (posti a carico del S.S.N.) per mera finalità estetica

Un chirurgo, primario di un ospedale pubblico, nonostante un decreto di archiviazione in ambito penale per insussistenza dei reati di falsificazione di diagnosi sulle cartelle cliniche e di abuso d'ufficio, è stato condannato a rifondere all'ASL il danno erariale per interventi di chirurgia compiuti con finalità esclusivamente estetica e come tali non a carico del Servizio Sanitario Nazionale.

La Sentenza (Corte dei Conti Sezione Giurisdizionale per la Regione Toscana del 27 febbraio 2007)
La finalità terapeutica può essere riconosciuta solo agli interventi con immediate, positive e significative conseguenze sulla salute e sulla qualità della vita ovvero agli interventi in assenza dei quali possono manifestarsi seri danni per la salute.

Il principio dei livelli essenziali di assistenza ostula prestazioni che, per specifiche condizioni cliniche o di rischio per la salute, presentino evidenze scientifiche di un significativo beneficio in termini di salute, a livello individuale e/o collettivo, a fronte delle risorse impegnate; ne consegue l'esclusione, dai livelli di assistenza, delle prestazioni che: a) non soddisfano il principio dell'efficacia e dell'appropriatezza degli interventi (ovvero la cui efficacia non è dimostrabile in base alle evidenze scientifiche disponibili e/o sono utilizzate per soggetti le cui condizioni cliniche non corrispondono alle indicazioni raccomandate); b) non rispondono al principio dell'efficienza produttiva (ovvero non garantiscono un uso ottimale delle risorse quanto a modalità di organizzazione ed erogazione dell'assistenza); c) non soddisfano primari bisogni di salute.

La chirurgia estetica non conseguente a incidenti, malattie o malformazioni congenite non soddisfa primari bisogni di salute con la conseguenza che, trattandosi nella specie di interventi di chirurgia plastica connotati da finalità tipicamente estetiche in relazioni ai quali non risulta idonea certificazione che ne asseveri con evidenza scientifica una finalità terapeutica volta a soddisfare primari bisogni di salute, ovvero una necessità di evitare seri danni per la salute dei pazienti, gli stessi interventi non possono essere ascritti tra quelli normativamente erogabili a carico del S.S.N.


Fonte: MEDLEX





 

Copyright © 2005-2015 DermatologiaLegale.it - All rights reserved     •     privacy policy     •     cookie policy