Collaborazioni | Temi | Sezioni | Casi Pratici | News | Link | Home
 
Archivio NEWS

Archivio News

20/01/2010 N° viste: 3361

Cieca per un ritocco estetico

Chiara Pozzi Giacosa rimase completamente cieca nel 2004. Aveva 62 anni, voleva eliminare quella pelle che l'età aveva reso sovrabbondante sulle palpebre e rinfrescare lo sguardo. Un'operazione semplice, un taglietto in ambulatorio pochi punti e a casa. Si chiama blefaroplastica. Invece le cose si complicarono al punto che un'infezione devastante in brevissimo tempo le tolse la luce dagli occhi. Il chirurgo plastico napoletano Camillo Pignata, che eseguì l'intervento e il medico Chiara Ceriani, che intervenne dopo, sono stati condannati dal giudice Maria Rosa Busacca a un anno di reclusione(pena sospesa con la condizionale) per lesioni colpose gravissime. Dovranno anche pagare provvisionali per oltre 600 mila euro alla vittima, assistita dall'avvocato Giuseppe Pezzotta, e ai suoi familiari, tutelati dall'avvocato Roberto Revel. Assolti invece Pietro Bellone, direttore della Casa di cura La Madonnina di Milano, dove si svolse l'intervento, e l'oculista Gianpaolo Verdi. Chiara Pozzi Giacosa, che non era presente in aula, ha detto di essere soddisfatta: "finalmente un giudice ha riconosciuto la responsabilità. Mi auguro che la mia esperienza serva ad evitare che ciò che è successo a me capiti ad altre donne!.


 

Copyright © 2005-2015 DermatologiaLegale.it - All rights reserved     •     privacy policy     •     cookie policy